Servizi territoriali e domiciliarità

Servizi per la domiciliarità

La cooperativa ha implementato il suo investimento, a partire dall'esperienza in atto con la co-progettazione del Comune di Bergamo e di Torre Boldone, nell'integrazione in una macro rete di supporto costituita da soggetti attivi della comunità locale con la triplice funzione di prevenire i bisogni, promuovere azioni di solidarietà e monitorare le attività intraprese.

Il servizio per la domiciliarità afferisce al Servizio Minori e Famiglie (SMEF) dell'Ambito Territoriale 1 di Bergamo (comuni di Bergamo, Ponteranica, Sorisole, Gorle, Orio al Serio, Torre Boldone) e si realizza secondo la logica e il modello della co-progettazione e della co-gestione delle diverse tipologie di interventi.
La co-gestione è tra la cooperativa L'Impronta, l'Ambito di Bergamo e il Consorzio Sol.co Città Aperta in ATI con l'Istituto Palazzolo.
L'educativa domiciliare mira a promuovere e accompagnare l'evoluzione del nucleo familiare in difficoltà nel pieno rispetto della sua storia, tutelando il benessere del minore e delle relazioni che intercorrono all'interno del suo nucleo. Il servizio si propone di affiancare la famiglia nello sperimentare nuovi modi di relazionarsi e di stare insieme.

Gli interventi domiciliari, che ad oggi si distinguono in Assistenza Domiciliare Minori e Famiglie (ADMF) e Tutoring Familiare, hanno come obiettivi:

  • il lavoro con i minori e le famiglia. Favorendo il protagonismo e il coinvolgimento attivo del nucleo familiare, si interviene a sostenere le competenze genitoriali, a implementare le loro potenzialità e accompagnare i processi evolutivi del minore per trovare insieme possibili risposte e soluzioni ai bisogni rilevati.
  • Il lavoro e le connessioni con il territorio. Si interviene promuovendo la conoscenza tra la famiglia e le diverse realtà territoriali, facilitando relazioni inclusive, favorendo la costruzione di legami di reciprocità e diminuendo l'isolamento.
  • Il lavoro di integrazione con il sistema dei servizi. Si partecipa al processo evolutivo del servizio Minori e Famiglie nella costruzione di risposte sempre più efficaci e innovative, in continuità ed in linea con gli orientamenti di tutto il sistema dei servizi.

All'interno del servizio domiciliarità lavorano 13 educatori e 3 coordinatori per 24 situazioni familiari in carico.
Gli interventi domiciliari hanno una durata media di due anni e sono strutturati su due ingressi alla settimana per 46 settimane l'anno.

SEDE TECNICA: Unità Operativa Minori a Bergamo, via San Martino della Pigrizia 52.
I luoghi operativi di svolgimento del lavoro sono i domicili delle famiglie residenti nei comuni dell'Ambito di Bergamo e i territori.

SAD: Servizio Assistenza Domiciliare

Il Servizio di Assistenza Domiciliare (S.A.D.) è costituito dal complesso delle prestazioni di natura socio-assistenziale prestate al domicilio di anziani, minori e disabili e, in genere, di nuclei familiari comprendenti soggetti a rischio di emarginazione, al fine di consentirne la permanenza nel normale ambiente di vita e di ridurre le esigenze di ricorso a strutture residenziali.
Il servizio è rivolto a tutti i cittadini in stato di bisogno e si avvale della partecipazione economica degli utenti. Il Servizio di Assistenza Domiciliare si ispira ai principi di rispetto della dignità della persona e al diritto della stessa ad autodeterminarsi, qualunque sia la sua condizione personale e sociale.

Custodia Sociale

Il servizio di custodia parte da un insieme di azioni di sostegno alla fragilità e alla quotidianità della persona sola.
La finalità principale del servizio è quella di dar voce al bisogno individuandolo nel luogo e nel momento in cui si manifesta avvicinando il servizio al cittadino creando un ponte tra il bisogno e la risorsa.

Portierato Sociale

A fianco delle azioni più strettamente legate al sostegno alla domiciliarità della cooperativa L'impronta si pongono le cosiddette azioni di segretariato/portierato sociale attraverso le quali è importante diffondere la cultura della prevenzione introducendo delle figure di riferimento che siano sensori del disagio relazionale e che segnalino ai servizi comunali i bisogni inespressi del soggetto fragile.

Assistenza Domiciliare Educativa

Il servizio di Assistenza Domiciliare Educativa Disabili della cooperativa L'Impronta si rivolge a persone disabili in età scolare o in età giovane adulta portatrici di domande complesse, che per essere decodificate e prese in carico nel modo più adeguato e globale hanno bisogno di un rapporto educativo individualizzato.
Si tratta di progetti che utilizzano delle modalità di intervento differenziate tra loro, ma che hanno come caratteristica peculiare la cura del "quotidiano" attraverso la mediazione mirata dell'educatore tra la persona disabile, la famiglia e il contesto territoriale di appartenenza.
Svolge l'attività nell'Ambito di Bergamo e Dalmine.